LUCA PACINI RATING ADVISOR® REPUTAZIONE BANCARIA & CREDITO DAL 2007

cancellazione protesti assegni

cancellazione protesti assegni, cosa fare

quando si viene protestati la prima cosa che si vuole fare è sapere come fare la cancellazione protesti assegni o cambiali e la si vuole sapere subito!

cosa fare? potremmo dirvi che bisogna leggere la legge 235/2000 e 108/96, oppure correre a preparare vari documenti dal creditore dell'assegno protestato, della cambiale protestata, dal notaio o dal messo comunale. Potremmo continuare a dirvi che non basta fare la dichiarazione dell'avvenuto pagamento, ma bisogna sia formalmente corretta e non sbagliare nulla per non vedersi rifiutare la riabiliatzione protesti dal Tribunale e cominciare tutto daccapo.

Ma potremmo dirvi di più, che dopo bisogna aspettare che la burocrazia faccia il suo corso, che la cancellazione protesti assegni sia definitivamente annotata alla camera di commercio, ricordarsi di pagare tutte le marche da bollo, contributi unificati etc.

Potremmo dirvi che vi stancherete prima di iniziare e mollerete tutto. Sapete cosa faccio io quando ho mal di testa? vado in farmacia e chiedo qualcosa per farmelo passare, se non passa vado da un medico, uno bravo, faccio analisi approfonditi, magari è la pressione alta, forse abitudini alimentari sbagliata o stile di vita, ma lo faccio decidere ad uno specialista, non da solo.
Il consiglio migliore che uno studio tributario fra i più affermati in Italia può dare ad un protestato che vuole procedere alla "cancellazione protesti assegni" è uno solo,

chiamateci allo 049-666.222 o al 800.86.45.35  diretto 348.3039844 e chiedeteci come garantirvi per scritto la cancellazione dei vosti protesti in 30gg..e vi passerà il mal di testa, almeno per questo!

a cura del dott. Luca PACINI, specialista di diritto bancario, tributario, iscritto AIF Banca d'Italia

 

 
Articolo Successivo: cancellazione dei protesti
Articolo Precedente: cancellazione protesti vicenza
Contattaci Prenota un
colloquio