Consigli per i prestiti personali

Altroconsumo ha deciso di scrivere alcuni consigli per chi ha intenzione o ha già sottoscritto un prestito personale. Consigli utili, considerato che ogni finanziamento è comunque un rischio.

Prima di tutto, Altroconsumo consiglia di non chiedere finanziamenti oltre il 33 per cento delle proprie entrate mensili. Prima di sottoscrivere il finanziamento in negozio, chiedete il contratto e il modulo "Informazioni europee per il credito ai consumatori" (Ebic), che contiene Taeg e informazioni sui diritti del cliente.

Ricordarsi, naturalmente, che se si salta la rata di un prestito o se si paga in ritardo, si rischia di venire segnalati come cattivi pagatori nella Centrale rischi. E ancora: se avete un problema con la banca o la finanziaria che ha erogato il prestito e dopo 30 giorni dall'aver inviato un reclamo scritto (anche via email) non ottenete risposta o ne avete una che non vi soddisfa,  potete fare ricorso all'Arbitro bancario e finanziario (sito ufficiale www.arbitrobancariofinanziario.it).

Se cambiate idea dopo aver firmato il contratto di finanziamento, avete 14 giorni per recedere. Basta comunicarlo al finanziatore per iscritto e nei successivi 30 giorni restituire il capitale e gli interessi maturati fino alla restituzione senza pagare alcuna spesa, se non l'imposta di bollo.

Per qualsiasi altra informazioni in merito alla cancellazione dei protesti potrete rivolgervi a noi nella sezione Domande e Contatti
Articolo Successivo: Protestati e prestiti
Articolo Precedente: Situazione finanziaria KO: gli under 34 insoddisfatti
Prenota ora