10 trucchi usati dalle società di recupero crediti a danno dei clienti

La lista dei 10 espedienti utilizzati dalle società di recupero crediti a danno dei clienti con sotterfugio e inganno.

··        

Sempre più spesso le società di recupero crediti incaricate dalle banche mettono in atto comportamenti al limite del lecito, anzi diciamo pure illeciti, esponendo al cliente possibili “minacce” per convincerlo a pagare.
Proprio per aiutare il debitore in difficoltà abbiamo deciso di smascherare questi espedienti. Si va dalla semplice bugia a comportamenti al limite della truffa, raggiro ed inganno che vengono spesso utilizzati per forzare il cliente a pagare.

Va premesso che l’attività di recupero crediti è legittima e che la maggior parte delle società finanziarie e di recupero crediti si comporta correttamente attenendosi a principi di buona fede.
Si tratta pur sempre di qualcuno che fà legittimamente gli interessi della banca.
Quando il problema viene affrontato con serietà e collaborazione sicuramente è possibile risolvere la situazione a vantaggio di tutte le parti.
Possiamo testimoniare, grazie alla nostra attività di assistenza ai debitori, che solo una minima parte  degli operatori di recupero crediti, che siano agenti o avvocati (millantanti da telefonini anonimi) si comporta correttamente. 

Sono quindo frequenti comportamenti di singoli operatori che pur di guadagnare le provvigioni che vengono loro assegnate su ogni singolo recupero, vessano il debitore con espedienti illegittimi o raccontando storie completamente fasulle al fine di spaventare il debitore.

E’ importante sapere che nella maggior parte dei casi l’operatore che chiama guadagna solo se voi pagate. Quindi è fortemente incentivato a spingere al massimo, a volte anche oltre il limite.

Chiaramente chi non paga i propri debiti corre diversi rischi, tra cui quello di vedersi pignorare i propri beni o una quota del proprio stipendio.
Inoltre, qualora la finanziaria attivi eventuali procedure giudiziarie di recupero crediti, dopo il giudizio, tutti i costi verranno addebitati al cliente, aggravando così ancora di più la sua posizione debitoria. Per questo motivo quando è possibile, è una buona idea onorare i propri debiti, a volte anche a costo di qualche sacrificio.

Sovraindebitamento: quando le rate ti soffocano e non riesci più a pagare

A volte per diversi motivi (perdita del lavoro, troppe rate, imprevisti, malattie etc) si finisce nell’impossibilità di pagare.
Spesso si devono sacrificare esigenze di vita incomprimibili per onorare le rate dei finanziamenti, cadendo di fatto in una situazione di sovraindebitamento, e nonostante la buona fede è purtroppo impossibile onorare i propri debiti. In questi casi è bene sapere quanto i rischi siano reali e quanto invece la società di recupero sta omettendo o esagerando al fine di spaventarci e “spingerci” a pagare.

Ecco quindi un “bestiario” dei casi più frequenti che abbiamo riscontrato nella nostra attività di assistenza ai clienti, riassunto nella lista dei dieci principali espedienti utilizzati dalle società di recupero crediti.

1) Il debitore insolvente rischia il carcere!

“Cara signora, stia bene attenta, se non ci paga interviene il Tribunale, e rischia il carcere”.

L’informazione è palesemente falsa in quanto non pagare i propri debiti è un reato di natura civile e non penale e quindi non si rischia mai il carcere. Al limite il creditore si può rivolgere al Tribunale in sede civile per ottenere la vendita di un bene per rientrare dei propri debiti. Mai però il debitore insolvente rischia il carcere solo per non essere riuscito a pagare i propri debiti.

2) Il finto decreto ingiuntivo

La fantasia non manca certo agli addetti del recupero crediti. Abbiamo spesso riscontrato l’invio di finti decreti ingiuntivi (sono solleciti di pagamento che nelle forme e fattezze potrebbero ricordare un atto del Tribunale) al debitore per spaventarlo e convincerlo a pagare. Occorre spiegare bene come funziona il meccanismo:

  1. Al contrario di un reale decreto ingiuntivo, quello finto non arriva al cliente tramite notifica di atto giudiziario, ma con raccomandata o posta ordinaria, oppure è lasciato a mano nella cassetta.
  2. Il finto decreto spesso viene inserito in una busta verde, simile per colore a quella degli atti giudiziari, in modo da confondere più facilmente il cliente.
  3. All’interno della busta si trova un fac simile, compilato con i dati del cliente. Manca però il timbro di deposito in tribunale e nel documento notificato sono presenti i recapiti del recupero crediti (agenzia o avvocato) per il pagamento.
  4. In alcuni casi abbiamo visto riportati anche sul facsimile di atto dei timbri poco leggibili, che non erano del tribunale, ma semplici sigilli senza nessun valore.

Si tratta chiaramente di un comportamento illegittimo, al limite della legalità. Non solo non facciamoci intimidire, ma segnaliamo questi comportamenti al Garante della privacy!

3) Un saldo e stralcio con la sorpresa finale

Ci bonifichi questa cifra e chiudiamo tutto a saldo e stralcio.

Stiamo bene attenti perché in questo caso vanno distinti comportamenti positivi da possibili raggiri. Infatti molto spesso le finanziarie pur di chiudere la posizione insolvente accettano pagamenti parziali per chiudere l’intera posizione (il cosidetto saldo e stralcio, o saldo a stralcio), e questa è certamente un’ottima cosa, ma abbiamo personalmente verificato casi di raggiro in questo senso.

Ad esempio, l’agente di recupero crediti scorretto, racconta al cliente che la somma servirà per fare il saldo e stralcio.
Facendosi gioco della buona fede del cliente non rilascia nessuna ricevuta in tal senso e i soldi versati vengono imputati a una riduzione solo parziale del debito.
Il debitore a volte fa sforzi sovrumani per trovare questa cifra, pensando in questo modo di chiudere la posizione.
A distanza di qualche mese si presenta però una nuova agenzia di recupero crediti chiedendo la differenza.
Prima di chiudere un saldo a stralcio, chiedete quindi sempre un documento scritto su carta intestata della società finanziaria, o meglio fatevi assistere da un professionista specializzato.

Si tratta di una truffa, ma una volta pagato senza nessun documento a testimoniare la nostra buona fede, è molto difficile se non impossibile dimostrare le proprie ragioni, e quindi si dovrà pagare il restante debito.

4) L’esattore e la confisca dei beni

Buongiorno sono l’esattore, se non rientra del debito xxx, dovremo venire a casa sua per prendere i mobili, l’auto etc.

Anche in questo caso siamo di fronte a una palese informazione fraudolenta, in quanto non esiste in Italia una figura di esattore privato.
Solo l’ufficiale giudiziario può procedere con il sequestro dei beni, a seguito di pignoramento. Inoltre, prima di arrivare al pignoramento, il creditore deve affrontare un passaggio in Tribunale chiedendo, se non in possesso di titoli come cambiali o assegni, prima il decredo ingiuntivo, poi il precetto e infine il pignoramento.
Tutti atti che devono essere notificati al debitore e che per essere complessivamente portati a termine richiedono diversi mesi.

5) La chiamata al datore di lavoro ed ai parenti

Se non paga dovremo chiamare la famiglia, il datore di lavoro, etc.

La posizione del debitore in difficoltà è tutelata dalla privacy ed è quindi tassativamente vietato mettere a conoscenza terzi dei problemi del cliente.
Qualora il recupero crediti procedesse in tal senso, sarebbe passibile di denuncia. L’unico soggetto che la società di recupero crediti può contattare è un eventuale garante o fidejussore.

6) Il pignoramento lampo dello stipendio o pensione

“Buongiorno sig.ra se non rientra entro xxxx (in genere qualche giorno o settimana) arriverà il pignoramento dello stipendio.”

In questo caso la minaccia è potenzialmente reale, ma è l’indicazione dei tempi che è palesemente fuorviante.
Infatti le tempistiche di un pignoramento, partendo dal mancato pagamento delle prime rate, variano da alcuni mesi per arrivare a casi limite di alcuni anni.
Questo a seconda del tribunale e dei tempi di avvio della pratica da parte del creditore. Indicare scadenze così brevi è solo un modo di spaventare il debitore cercando di convincerlo a pagare almeno parzialmente.
Spesso viene raccontato che se non si pagherà entro qualche giorno partirà l’azione giudiziaria che sarebbe irrevocabile. Cosa non vera, in quanto per il debitore è sempre possibile pagare in ogni momento prima del giudizio definitivo.

7) Mettiamo all’asta la casa

Se non pagate vi portano (in alternativa vi portiamo) via la casa.

È una variante alternativa della minaccia di sequestrare i beni mobili o lo stipendio, molto utilizzata con le persone di una certa età, particolarmente attaccate alla loro abitazione. Anche in questo caso la minaccia è reale, ma è bene sapere che:

  1. Come per il pignoramento mobiliare, le tempistiche per ottenere il pignoramento dell’immobile e la successiva vendita all’asta, sono lunghe. Il tempo medio di un’esecuzione immobiliare in Italia è di circa sei anni! Quindi prima di muoversi su questa lunga e complessa strada il creditore proverà qualsiasi altra strada.
  2. Per la vendita all’asta dell’immobile il creditore deve sostenere costi importanti, che poi verranno addebitati al debitore. La minaccia di attaccare la casa è quindi reale se parliamo di debiti di una certa dimensione. Per i piccoli debiti (come ad esempio le carte revolving) è raro che il creditore attivi una procedura di esecuzione immobiliare.

In ogni caso se si è proprietari di un immobile è bene porre molta attenzione perché dopo molto tempo il creditore potrebbe aggredire il bene immobiliare e venderlo all’asta.

8) La segnalazione come cattivi pagatori

“Se non pagate vi segnaliamo in Crif come cattivi pagatori.”

Se vi chiama un recupero crediti, molto probabilmente siete già segnalati come cattivi pagatori! Infatti chi aderisce alle banche dati come Crif o Experian o CTC, segnala automaticamente i mancati pagamenti, quando questi superano un determinato numero di mensilità. In qualche modo si gioca sul lessico “cattivo pagatore” per farci sentire a disagio.

Le conseguenze di questa iscrizione non sono altro che la impossibilità di ottenere nuovi crediti.

Sarebbe comunque una cattiva idea chiederli visto che siamo già in difficoltà a pagare i debiti che abbiamo.

Attenzione però alle conseguenze dell’iscrizione per terzi garanti, che magari vorrebbero ottenere nuovo credito ma se il vostro prestito è in arretrato potranno vedersi negare nuovi finanziamenti.


 9) Lo stalking delle società di recupero crediti

Una certa insistenza degli addetti al recupero crediti è tollerabile, ma in alcuni casi si arriva allo stalking.
Chiamate in orari assurdi, telefonate continue da soggetti diversi che dicono di non sapere che il debitore era appena stato chiamato, call center stranieri dai modi al limite della maleducazione (o anche oltre…), avvisi sulla porta o nella posta continuativi, fino alle chiamate dell’agente, che in qualche modo ci fa capire che ci tiene sott’occhio (“so che lei è a casa anche se non apre” o affermazioni simili …).
In tutti questi casi, quando si supera il limite, è bene diffidare il recupero crediti dal proseguire con queste attività, indicando anche che si informerà il Garante sulla privacy, che come accennavamo all’inizio ha posto regole precise a tutela del debitore in difficoltà.

10) L’approccio amichevole per ottenere informazioni

Ecco, nella nostra esperienza quando chiama il recupero crediti e fa la voce grossa, di norma ha poche armi a disposizione per aggredire la vostra posizione.
Altre volte l’approccio amichevole, è mirato a ottenere informazioni per migliorare le possibilità di recupero del credito.
Ad esempio richieste sul nominativo del datore di lavoro, o di inviare la propria busta paga, potrebbero essere mirate a sapere dove lavoriamo per procedere con un pignoramento dello stipendio.
Lo stesso vale per i garanti, molto spesso meno allertati. Si richiedono informazioni su eventuali conti correnti, o sullo stipendio/pensione, per ottenere dati sufficienti per il pignoramento. In sostanza, non date informazioni personali se non per lo stretto necessario!

MA SOPRATTUTO, FATEVI ASSISTERE DA PROFESSIONISTI DEL CREDITO quale la Broker Associati & partners,   di Milano che opra online in tutta Italia e

che può assistervi in tutte quelle trattative con società finanziarie e recupero crediti facendovi risparmiare laddove i debito non è più dovuto perchè già  passato a perdita 


o semplicemente non facendovi pagare nulla perchè non avete nulla da perdere mentre le segnalazioni negative sono cancellabili perchè quasi sempre viziate e quindi tormare al credito anche in presenza di precedenti debiti (vedasi sentenza Suprema Corte di Cassazione n. 14685 del 13.8.2017)

chiamateci allo 02 871 671 76
oppure scriveteci
per un primo consulto GRATUITO.




 

 


Articolo Precedente: Domiciliazione legale a Milano presso studio professionale, avrai prestigio e vantaggi economici